Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Info OK
Ti trovi in: Home » Chi siamo » Dove operiamo
Dove operiamo

Il Burkina Faso, già Repubblica dell’Alto Volta, è un paese dell’Africa occidentale situato a sud del deserto del Sahara, considerato, secondo i rapporti delle Nazioni Unite del 2007, il secondo Paese più povero del mondo, infatti il 53% della popolazione, che ammonta a circa 15 milioni di abitanti, vive con meno di 1 dollaro al giorno, il tasso di disoccupazione è del 77%, il tasso di alfabetizzazione solo del 28%.
Circondato da Mali, Niger, Benin, Togo, Ghana e Costa d’Avorio, il Burkina Faso resta “inglobato”, senza alcuna possibilità di accesso al mare e senza alcun contatto con le più importanti rotte commerciali trans-sahariane.
E’ una repubblica. Dapprima colonia, ottenne l’indipendenza dalla Francia nel 1960.

Il nome attuale , Burkiina Faso, fu istituito il 4 agosto 1984 dal presidente rivoluzionario Thomas Sankara e significa , fondendo le due principali lingue locali dell’etnia Mossi e dell’etnia Dioula :la “Terra degli uomini integri”.
Circa il 50% della popolazione è di fede islamica, e il 30% cristiana. Il restante 20% è costituito principalmente da seguaci delle religioni africane tradizionali animiste.
La lingua ufficiale del paese è il francese, ma quella più parlata è la Lingua More. Si contano inoltre ben 67 lingue locali e dialetti.

Quasi completamente privo di materie prime e risorse naturali, il Burkina Faso ha una superficie di 275.000 chilometri quadrati e il suo territorio è prevalentemente pianeggiante, caratterizzato per lo più da praterie semi aride; l’aspetto morfologico presenta un vasto altipiano granitico inclinato da Nord a Sud.

Il Plateau Mossi, così definito perché prevalentemente abitato dall’etnia Mossi, la più antica e peculiare del Paese, si estende nella zona centro-nord del Burkina Faso. Accoglie però anche abitanti appartenenti ad etnie differenti tra le quali alcune nomadi, che, grazie alla buona convivenza, hanno acquisito una parziale stanzialità.

Nonostante la stabilità politico-economica degli ultimi anni, la popolazione burkinabè vive ancora in condizioni di elevata povertà. Il 90% della popolazione attiva è impegnato nell’agricoltura di sussistenza che costituisce la base dell’economia del Paese. Tale attività produttiva è fortemente condizionata però dalle condizioni atmosferiche e, soprattutto al Nord, dal fenomeno della desertificazione che inaridisce e rende poco produttivo il terreno.

Negli ultimi quindici anni lo Stato ha dimostrato numerosi sforzi per la promozione di diritti sociali essenziali ( educazione, sanità, acqua potabile, nutrizione, igiene), ma il Burkina Faso ha ancora indicatori sociali veramente preoccupanti : il tasso di crescita rapido della popolazione ( 2,8% annuo), unito ad un tasso di produttività del lavoro agricolo molto basso, riduce gli effetti positivi delle politiche governative.

Gli indicatori sociali rivelano il reale livello in cui la popolazione burkinabè vive:

            -           Aspettativa di vita per un adulto: 47 anni

  •             -           Tasso di scolarizzazione al 41%
  •             -           Mortalità infantile elevata ( ben oltre il 5%)
  •             -           Livello di soddifazione alimentare bassissimo ( 230kcal contro le 2500 kcal richieste)

 

In questo contesto altamente problematico la condizione delle donne e dei minori, categorie sociali già penalizzate in qualunque contesto, è ancor più precaria. Ed è a loro che Kibarè vuole offrire gli strumenti necessari per uno sviluppo consapevole al fine di migliorarne le condizioni di vita nel pieno rispetto della loro identità, della cultura alla quale appartengono e delle tradizioni alle quali sono fortemente legati.